venerdì 29 gennaio 2016

Le feste di compleanno per i bambini nati in inverno

Bambini perfetti - festa perfetta....
immagine ovviamente non mia, tratta da San Marino Adventures
Mamme, ma pure babbi, lo so che questo è un argomento dolente - avete figli nati nella brutta stagione? Io due su due, novembre e gennaio... Peccato che in fase "cantiere figlio" nessuna mamma mi aveva mai posto questo piccolo dettaglio, sul come saranno difficili da organizzare le feste di compleanno in inverno. Mi sarebbe garbato un discorso tipo "prova a sfornarlo in primavera o meglio estate, così ti fai la prima estate al mare tranquilla, arriva bene all'inizio del nido/materna/elementare, e poi fai le feste indo cavolo ti pare, pure al parchetto dietro casa -  anzi stagione top, fallo a Maggio, che a agosto un ci vien nessuno".
....
....
oooo e si scherza via, un vi agitate subito.

Comunque - sono nati in inverno. Ok. Le feste come le facevano a me, che chiamavo 1/2 max 3 amiche a casa mia, infrasettimana, senza genitori, si giocava tranquillamente da sole, si soffiava le candeline, arrivederci e grazie. Queste feste sono out totale. Eh si certo che tu le puoi fare, ma poi quando tuo figlio sarà invitato a tutti gli altri party e vedrà la netta differenza ti chiederà anche lui quel genere di cosa. E poi si sa, i figli sono pezz'e core, e ti sveneresti pur di farli felici.

E poi c'è un altro aspetto, almeno nel nostro caso, da non sottovalutare - noi abbiamo amici anche extra scuola, amici che ci viviamo più assiduamente che le frequentazioni scolastiche, e loro ce li vogliamo absolutely - e poi ci sono le maestre, che soprattutto quelle della materna ce l'hanno a morte con le mamme che non invitano TUTTI  i bambini della classe, perché giustamente gli altri si sentono esclusi. E sti cazzi.
E metti che, alla faccia della crisi demografica, qui a Novoli sfornano che nemmeno, tutti o quasi hanno 1/2 fratellini o sorelline. A ri-sti cazzi.
In pratica un matrimonio.

Se avete una casa grandina, e riuscire a rimanere nei 5/7 bambini come invitati, e possibilmente senza genitori, allora potete provare a farlo in casa - ma dovete avere anche nel profondo un animo da "mamma/animatrice " e soprattutto dovete essere molto zen, per sopravvivere indenni e felici al devasto della vostra dimora, dopo il tornado Los Ninos.

Io non rientro in questa categoria - ne mamma animatrice, sopporto a malapena i miei di figlioli, né casa grande, né pochi invitati.

Quindi le scelte di inverno sono, signori e signore, poche e costose.

Ottimo se c'è

giovedì 21 gennaio 2016

Del nido, della materna e delle elementari

Io ho due bambini, una di 4 anni e uno di 7 da pochi giorni.
A Settembre 2015 c'è stato il big change: il grande, Sebastian, ha iniziato le elementari!
E la piccina, la Mia, si è trovata sola all'asilo, senza il fratellone/materasso, a gestirsi e a prendersi però anche i suoi spazi.

No, ma vogliamo parlare di come più passa il tempo, più sali di grado nelle scuole, e più la situazione peggiora? No, parliamone.

Cominci dal nido, che come dice il nome è un'estensione della tua casa, del tuo nido, anzi meglio perché le educatrici tendenzialmente hanno moooolta più pazienza di te, mamma che "vuoi" anche lavorare e sei un po' esaurita.
E già lì, l'inserimento è una valle di lacrime . Ti impegnano la testa e il cuore facendoti fare ameni lavoretti come il librino del cuore, ma è solo per non farti sentire l'esserino urlante nella stanza accanto.
E quando lo vai a riprendere, hai un rapporto diretto con la santa maestra, con qualcuna sono diventata quasi amica, ti raccontano tutto, compreso quantità e colore della cacca dei tu figlioli, quanto e se hanno mangiato, conoscono il carattere del tu figliolo, le sue preferenze, con chi gioca e con chi se mena.
E fai una volta l'anno l'ospite eccezionale, un giorno in cui partecipi alla vita della tua progenie all'asilo - che ancora ricordo come uno dei momenti top della mia vita.

Mia e Nadia - love love love


Poi passi alla materna. Dopo vari tentativi caduti nel vuoto di farlo "segare" così resta al nido un altro anno, ma no non si può. Deve andare alla scuola dei grandi.
Primo grossissimo scalone. Ma ancora se Dio vole siamo a livello di posto carino/con i colori/con le cose dei bambini/ cessetti piccoli e seggiole piccine.

Ma il rapporto con le maestre cambia radicalmente. Per te e per i piccini.
Da 1 maestra ogni 6/7 bambini si passa a "1 signori 1" per "25 signori 25 figlioli". E mi dici te come fa sta Crista a sapere cosa fa il tu figliolo della su giornata? E non lo sa. O se lo sa è una maga. Io a malapena saprei se il bambino è presente in aula. Già mi riterrei fortunata.

Ma ancora ci parli sull'uscio - ancora qualcosa riesci a ottenere, di informazioni sulla vita della tua criatura. Un minimo di "con chi è amica? mangia? mena? è brava? " ce l'hai. Almeno ai colloqui individuali due volte l'anno.

Mia al suo primo giorno di materna




E poi arriva essa: la scuola elementare. No aspetta come si chiama in gergo tecnico, la scuola primaria.
Avevi dei figli? ecco, per 8 ore non ce li hai più. E non pretendere o credere che verrai a sapere quello che fanno o come sono in quelle 8 ore perché non lo saprai. Mai. Nemmeno ai colloqui. I figli entrano a scuola da se e salgono da soli su in classe.
E all'uscita la maestra li accompagna sull'uscio, e lì dove tu e gli altri 800 genitori sarete in postazione di ricezione, quando la maestra vi scorgerà vi  "lancerà" letteralmente il figlio e via, a domani.
Comunicazioni? Sperate che non ce ne siano, perché vuol dire che sono note di demerito sul diario. That's it.


E al colloquio, arrivati in trepidazione, ci siamo sentiti dire solo " e che c'è da dire, nulla su vostro figlio. E' bravo, stop"  no ora te tu mi racconti tutto, se sta a sedere, se si comporta bene con gli altri bambini, se presta le cose, se se le fa rubare come un ghiozzo, se lo pigliano in giro, se in bagno va da se, se si pulisce, se mangia, se si scaccola, se sta attento, se pensa all'universo, se ha un migliore amico, io voglio sapere tuttooooooo.

Ma nulla, cara mamma, ti attacchi e tiri. Tanto hai il pomeriggio per chiedere a tuo figlio quello che fa. Ah no, ma i miei non è che mi raccontano tanto... ah già, ma il martedì e giovedì c'è judo, e non stiamo insieme... ah ma il mercoledì e lunedì arte... e poi a volte lavoro. Nulla, ci vediamo all'università allora.....

Welcome to the duro mondo della scuola. Almeno quella pubblica. Non so come sia al privato, e nemmeno mi interessa, perché non c'è questa possibilità.

Sebastian il primo giorno delle elementari


Qui il mio cuore ha rischiato lo spappolamento


E noi mamme? anche babbi eh, ma le mamme di solito sono quelle più in pista. Noi mamme ci rifugiamo nei gruppi what's up. I famigerati gruppi what's up.
Nati per comunicare cose vitali come se c'è sciopero o meno, o altre amene comunicazioni su dimissioni anticipate da scuole, diventano presto sfogo di lamentele, richiesta informazioni, appelli disperati, richieste di come eliminare il problema pidocchi (trend topic  #eliminiamo i pidocchi dalla faccia della terra), inviti a feste di compleanno con relative foto il giorno dopo, ma anche e soprattutto i compiti - ah croce e delizia.
Se ce n'hanno pochi ancora ancora, ma se ce n'hanno tanti, e tu interroghi il figlio (con la lampada stile terzo grado) lui ti risponderà qualcosa, ma tu non saprai se fidarti o meno.

Io mi fido, anche perché se verrà la volta che mi frega, sarà lui a recarsi a scuola senza compiti fatti, e a pigliare il conseguente cazziatone. Sicchè bene.
Ma il dubbio ti può anche venire, e allora scattano le foto ai quaderni e ai diari, prontamente sciroppate sul gruppo what's up.

E te ti trovi alla fine della giornata di lavoro con tipo 82 notifiche. Dajé tutta.
E io sono fortunata, che sono capitata in una classe con mamme ganze, alle elementari si sta per fare anche la cena solo mamme, e anche all'asilo sono tutte persone a modo.
Ma nei giorni scafati io mi sbaglio, e confondo gruppo, buttando frasi a casaccio nel gruppo sbagliato, gettando il panico nelle altre mamme, che non capendo a cosa mi riferisco pensano di essersi perse una delle 82 notifiche, e sclerano :)


Ah... andiamo avanti! E vediamo che ci riserva il futuro :)


martedì 12 gennaio 2016

Gli Imperdibili degli Uffizi

Non ha bisogno di nessuna pubblicità, è il museo più conosciuto di Firenze, questo 2015 passato ha registrato quasi 2 milioni di visitatori, ma io ne voglio parlare ugualmente, della Galleria degli Uffizi.
E perchè ne voglio parlare? Per aiutarvi nella visita delle sue miriadi di sale, per capire quali quadri devono assolutamente essere cercati, ammirati, gustati, per evitare di impelagarvi 3 ore dentro e poi una volta usciti dire "Noooo! mi sono dimenticato di vedere questo!"

Uffizi, con l'inizio del Vasariano


Ecco, questo lo scopo primario.

Allora, lesson number 1: prenotate in anticipo. Se siete in Italia chiamate il numero 055 294883 e parlate con un operatore. Se all'estero andate sul sito principale di Opera Firenze Musei e prenotate lì per evitare sovrapprezzi e ladrocini che imperano sui 500 siti internet sull'argomento.

Preferite orario pomeridiano tra le 14.00 e le 16.00 e se proprio potete solo la mattina vi consiglierei sul presto, anche 08.30 08.45 max.  Ah, il lunedì è chiuso. E con la Florence Card entrate con priorità senza dover prenotare un orario preciso

Assolutamente evitare il primo weekend del mese - purtroppo, e sottolineo purtroppo, la prima domenica del mese l'ingresso è gratuito, e penserete "Figooooooo", no zero figo, la fila è allucinante, e una volta dentro il museo la situazione è invivibile. Stesso discorso per il sabato antecedente la domenica gratis, visto che non si può prenotare la domenica gratis vanno tutti il sabato, risultato follia.
Coda il 3 Gennaio per gli Uffizi... fino a Ponte Santa Trinita

Non voglio allarmarvi, ma come ho iniziato il post, gli Uffizi non hanno bisogno di pubblicità, è un museo già di normale pienissimo di gente, e non sempre l'esperienza finale sarà purtroppo favorevole, proprio per via delle code per ritirare il vostro biglietto regolarmente prenotato, le code al metal detector, i gruppi caterpillar che vanno tutto dritto e ti portano via con se, le guide che berciano....

Anyway, avete prenotato? Ok, andate alla porta N. 3 e scambiate il numero/voucher che vi hanno dato con il biglietto vero e proprio - poi porta N. 1 e entrate.

Entrate in quello che è il più antico "museo" del mondo, nato inizialmente come gli Uffici della Magistratura della città nel 1560 (da qui il nome Uffizi!) diventa presto il cuore delle collezioni medicee - in particolare, il mio adorato Francesco I, primogenito di Cosimo I, fa allestire il secondo piano a galleria museale vera e propria, con le statue classiche romane di collezione medicea.
Grottesche - Alessandro Allori

Gli imperdibili degli Uffizi

Darvi un ordine e una sequenza è in questo momento difficile, perchè con i cantieri dei Grandi Uffizi stanno smantellando e restaurando via via le sale, e ridisponendo i quadri in collocazioni diverse da prima - in un ordine assolutamente random, che non mi vede concorde - se prima gli Uffizi presentavano un ordine abbastanza cronologico, ora sono veramente a casaccio, spero che prima o poi ripenseranno questa modalità, perchè come guida mi trovo più in difficoltà a spiegare.

Le Grottesche - Alessandro Allori e collaboratori - non è un quadro, è lo stupendo soffitto affrescato del corridoio di levante del secondo piano, con le decorazioni tipiche della metà del '500, ispirate ai ritrovamenti della Domus Aurea di Nerone.

I Grandi Crocifissi Duecenteschi

Le 3 Maestà, del grande rinnovamento di fine '200 - Cimabue Duccio e il mitico Giotto, che io lo dico sempre, LUI è uno dei primi rivoluzionari, che se non era per lui chissà indo s'era a quest'ora..

"Credette Cimabue ne la pittura
tener lo campo, e ora ha Giotto il grido,
sì che la fama di colui è scura"

Dante - Purgatorio

Annunciazione - Simone Martini - lo stra-lusso decorativo senese, nonchè il primo fumetto di storia dell'arte. La Maria ancora molto schifata dalla big news, ma elegantemente schifata direi.

giovedì 7 gennaio 2016

Da Rocco e i suoi fratelli, io e le mie Amiche

Quando mi chiamarono una decina di anni fa " Ciao! si sta organizzando la cena per i primi 10 anni dal diploma!"  pensai subito che si fossero sbagliati, io non mi ero diplomata 10 anni prima, non era proprio possibile! E invece si, e fu una cena molto molto bellina, in cui ognuno di noi si alzò in piedi e fece un breve riassunto della propria vita in quei 10 anni... Fa anche un po' tristezza, ovviamente, quando il tempo ti dimostra tutto d'un botto quanto velocemente passa, speri sempre che stai vivendo come vuoi, e che hai una buona dose di "cose da raccontare", come se fossero quelle il segno tangibile del tuo vissuto...

Comunque, la cosa più importante di quella serata è stato l'aver ritrovato, e non più mollato, le mie Amiche di allora- dopo un momentaneo distacco di appunto 10 anni ora ci vediamo spesso, compatibilmente alle vite trafficate di tutte, ma almeno una volta al mese ce la facciamo. E io come sto con loro, come rido con loro, da mal di pancia, da paresi facciale, ma soprattutto come mi sento "io" con loro, vera, senza filtri, senza false diplomazie, senza bugie, io non lo provo con nessun altro, e di gente ne conosco e ne frequento.
E' che con loro hai la schiettezza dell'adolescenza, sai tutto e tutte le verità che ognuna di noi porta dentro, ma non c'è mai mai in nessun momento del giudizio - solo consigli eventualmente, a cuore aperto, e tante prese per culo!


Tra i revival degli anni passati, che ce li infiliamo sempre, con Alice che si ricorda sempre di ogni minimo particolare si riesce sempre a rivivere quei momenti e quelle sensazioni, e gli alti e bassi dei giorni moderni, io con loro passo delle serate epiche, in cui guadagno sicuramente settimane di vita.

E io le ringrazio pubblicamente per come sono, per come mi vogliono bene, per le risate che mi fanno fare, per il confronto e le riflessioni che sempre scaturiscono dopo una serata insieme.

E dove ci incontriamo? Ogni tanto è successo di trovarsi a casa di una o dell'altra, ma più spesso andiamo a cena fuori - disgraziati i ristoratori che ci hanno come clienti..... non sanno al momento della prenotazione che si troveranno 6 sceme che sghignazzeranno tutta la sera, si pisceranno sotto dal ridere, racconteranno particolari piccanti vietati ai minori che Sex and the City in confronto è la serie su Padre Pio, ma soprattutto gli terranno il tavolo occupato per un tempo infinito, se ne sbatteranno del menu, dell'ordine, del povero cameriere, e che a malapena si accorgeranno cosa mangiano. Ma una cosa è certa, non torniamo mai nel solito posto. Come i veri serial killer.

L'ultima volta, anzi la penultima, è toccato a Rocco e i suoi fratelli, zona Gavinana. Sicuramente ottima pizzeria, servizio gentile, pizze buonissime, antipasti molto più mediocri, prezzi un gocciolino più alti... il resto, boh! e chi se n'è accorto!!!

Alice Daniela Checca Cate e Silvia. I love you girls!





Pizza di Rocco e i suoi fratelli


 
qui siamo all'American Graffiti



lunedì 21 dicembre 2015

3 Giorni a Lisbona in coppia

Io e il mi marito, che stiamo insieme da 11 anni ma sposati solo da 3, cioè da dopo i figlioli, amiamo ogni tanto "evadere" dal tran tran familiare e farci una giratina.
In particolare usiamo la scusa dell'anniversario di fidanzamento a ottobre per farci un weekendino romantico (come facemmo a Madrid 3 anni fa). I bimbi fanno un'avventura dai nonni, che se li coccolano e viziano a modino, e noi ricarichiamo le pile e ci ritroviamo un attimo - al di là dei sensi di colpa che possono esserci perché molli i figlioli, ti mancano (quello poco sinceramente, solo dopo 2-3 giorni inizio a subire la mancanza), perché visiti dei posti belli senza di loro, insomma al netto di tutto questo c'è la bellissima sensazione di ritrovarsi, di ricordarsi perché ci siamo scelti, quali sono le passioni comuni che ci hanno fatto innamorare e attenzione: si parla di qualcosa che non sono argomenti sui figli!!! ohohooh che roba!! E questo non ha prezzo. E non litighiamo mai in questi weekendini.
E giriamo tranquilli seguendo i nostri ritmi, la nostra voglia di vedere e la nostra stanchezza. E basta. Per 3 giorni senza lamentele, capricci, "e questo un mi garba" e "sono stancaaaaa" e "mi scappa pipi" . Genitori snaturati? Yes, po' essé. Per così poco siamo snaturati?? Ma di che.


Sicchè quest'anno è stata la volta di Lisboa. Complice tariffe top di Ryan Air con orari umani da Pisa decidiamo di farci un giovedì/sabato nella capitale Portoghese. Si lo so che avevo giurato che non ci sarei più rimontata... lo so che avevo detto che mi dovevate impiccare... a mia discolpa posso dire che Ryan Air un po' si è addolcita, ed è un po' meno schifoso volare con loro....! Davvero, ci abbiamo anche volato coi bambini per andare a Lipsia dai nostri amici, e sono stati gentili e quasi accomodanti. Volevo piangere. E ora fanno salire con il bagaglio a mano più la borsa. Ci si può stare.

Eravamo vergini di Portogallo entrambi e molto molto emozionati. Mi ero documentata grazie a amici che ci erano stati (quest'anno era la metà top, conosco almeno 4 diverse persone che ci sono state nel 2015!!) e leggendo molti blog di viaggio, soprattutto la mia adorata Ma che Davvero, che ringrazio.
Lisboa . Miradouro de Santa Luzia


1 Giorno a Lisbona

Siamo arrivati all'aeroporto, che è molto vicino al centro città (atterraggio tipo Firenze, che ti sembra di montare sulle case...) e da lì con taxi pubblico per 15 € siamo arrivati in Costa Do Castelo dove avevamo l'Ostello This is Lisbon -  si, io e Illeo siamo andati in Ostello! Avevamo una camera matrimoniale con bagno privato, sicchè di ostello abbiamo vissuto poco, ma condividere con gli altri gggiovani la colazione da gggiovani nella stanza gggiovane, con la musica gggiovane, e soprattutto la bellissima terrazza sui tetti di Lisbona, dove ci rilassavamo a fine serata con un libro, un thè, un cicchino è stato davvero figo, e ci siamo sentiti un po' meno vecchiarelli :)

Scalinata con il nostro Ostello sulla sinistra

Ci buttiamo subito nel dedalo di stradine, discese, scalinate, vicoletti, e dalla cima della collinetta di Alfama dove si trova l'Ostello in 15 minuti eravamo in Praça da Figueira, dove abbiamo mangiato in un barretto un piatto unico, che scopriremo poi essere ciò che troveremo sempre: ciccia, riso, contorno. 

lunedì 14 dicembre 2015

Firenze, Natale e Capodanno - che fare e dove mangiare

Si sa, sotto le feste le città sono tutte più belle. E Firenze ce l'ha messa tutta anche quest'anno per scintillare a modino. I negozianti, che finanziano le luminarie di Natale ( e non il Comune...ahahah! è bene ribadirlo) ci hanno dato dentro in quasi tutte le vie del centro.

In generale devo dire che Firenze come sempre è molto sobria e elegante - in via del Corso ci sono degli originali "paralumi" rossi, poi è un tripudio di stelle comete, lucine a penzoloni, lucine a onde, e via via.
Sono stata per il Ponte dell'Immacolata a Bologna e a parte il bellissimo e grandissimo albero di Natale in Piazza Maggiore l'illuminazione era molto molto spartana.

Il posto più psichedelico è il Mercato Centrale di San Lorenzo - par d'essere al circo!


Mercato di San Lorenzo
Borgo San Jacopo




















E poi da menzionare il fantastico F-Light Festival, che ancora non ho avuto modo di ammirare in pieno, ma di cui ho letto in vari blog, tra cui quello della mia amica Nelli - in pratica tutti i principali monumenti fiorentini, già bellocci di suo, sono rivestiti da luci colorate e proiezioni di immagini varie che li "vestono " di colori e forme nuove. Sembra che il Ponte Vecchio sia veramente spaziale, e lo stesso la mia cara Santo Spirito.

Si lo so, lavoro in centro, ma a girelloni "a buio" ancora non sono andata - devo rimediare!

Anche al Gallery Hotel Art è iniziata una nuova esposizione dell'Architetto Simone d'Auria, quello dei cucchiai sulla facciata - ora ha deciso di rendere omaggio a Starck e al suo spremiagrumi a forma di ragno, e ha tappezzato la hall dell'Hotel con queste creature e faccine varie, guardando agli emoticons che usiamo così tanto sui social.




Cosa fare oltre a ammirare le luci di Firenze?

C'è il classicissimo

mercoledì 2 dicembre 2015

Hostaria Il Desco - Firenze

E chi l'avrebbe mai detto... in centro pieno così, in via delle Terme, a due passi dal Ponte Vecchio, da Por Santa Maria e da Via Tornabuoni... un buchino di posto delizioso, curato, accogliente, kid-friendly e con menu gluten free per celiaci - non che abbia bisogno in famiglia, ma apprezzo sempre i ristoranti attenti ai bisogni dei clienti che hanno difficoltà, come celiaci si, ma anche solo chi ha bambini ahahahah :)

Prenotiamo all'Hostaria il Desco per una domenica a pranzo, in 8 di cui 4 adulti e 4 bambini under 7 - qualsiasi ristoratore vorrebbe piuttosto tirarsi una martellata su un menisco, ma qui non battono ciglio e ci accolgono con simpatia.

Entrata dell'Hostaria il Desco

Interno intimo e ben illuminato

Posto intimo, due piccole salette - molto curato, con una illuminazione giusta.
Ci chiedono subito se desideriamo menu per celiaci - no grazie.
La carta regolare è molto molto corta - 3/4 scelte di ogni cosa - e nella seconda pagina ci sono 4 menu a prezzo fisso : menu del giorno a 15,00 Euro (scelta tra due primi e due secondi) ; menu antipasti e bistecca a 33,00 Euro, un menu di mare, uno di Toscana e uno per bambini a 10 Euro.
In più una carta del giorno con altri 5/6 piatti tra primi e secondi.

Ci colpiscono subito i prezzi: in senso positivo!

domenica 29 novembre 2015

Disneyland con un seienne e una treenne e mezzo

Alla fine ci siamo decisi: andiamo a Disneyland! Si, nonostante un agente di viaggio ce lo sconsigliò, dicendo che era meglio aspettare ancora 2-3 anni, noi abbiamo deciso di andare. E ci abbiamo abbinato anche 3 giorni nella Ville Lumière, Parigi, come già vi ho parlato qui.

Il periodo scelto è Marzo 2015. Per fortuna il tempo è stato abbastanza mite - mi avevano prospettato giornate ghiacciate, vento a raffica, pinguini incappottati, giostre chiuse dal gelo e iceberg che vagavano... invece siamo stati fortunati, sempre sui 10 gradi, un giorno addirittura era 18 gradi e non sapevamo dove cacciare i giubbottoni!

Se progettate un viaggio a Disneyland controllate spesso il sito - perché spesso fanno delle offerte e sono da prendere al volo, visti i costi esosi di una vacanza come questa.
Noi abbiamo prenotato a Novembre e abbiamo trovato un 3 x 2 - paghi 2 e stai 3 notti!



Ecco, questo uno dei motivi per cui magari state tentennando sulla decisione se andare o no a Disneyland - è caro! Oggettivamente caro. E non dico se scegli l'Hotel a 5 stelle delle principesse proprio all'entrata del Parco, ma anche se scegli quelli più economici, come abbiamo fatto noi. Ma se c'è una buona occasione,  un compleanno, un motivo particolare, o semplicemente tanta voglia, è uno sforzo economico a mio avviso che si fa volentieri.
Un altro aspetto che mi preme sottolineare: è assolutamente adatto anche ai bambini più piccoli! 
Questa menata mi fece saltare il viaggio l'anno prima perché l'agente di viaggio a cui ci eravamo rivolti disse che coi bambini piccoli non vale assolutamente la pena, che la maggior parte dei giochi sono da 1,20 metri in su di altezza, e che il periodo top è 8/10 anni.

Mah, non sono assolutamente d'accordo.
Anzi, la vera magia di incontrare personaggi Disney e credere che siano davvero loro, Topolino e Cip e Ciop compresi, la provi solo da piccolo!
E soprattutto, le giostre con i limiti di altezza ci sono, è vero, ma sono poche in confronto a tutto quello che possono fare.
Quindi - andate!

Quanto fermarsi a Disneyland?

Ok, qui siamo abbastanza sul personale... se adorate i parchi

giovedì 26 novembre 2015

Laboratorio per bambini al Museo del '900 di Firenze

Domenica mattina - Firenze - una città così va sfruttata al massimo, non può essere solo per i turisti, noi fiorentini per primi dobbiamo goderne. E i bambini! Devono essere iniziati al bello, all'arte, ai dipinti e alle sculture, e ai musei. Dobbiamo mettergli dentro il semino della cultura e dell'apprezzare il bello. Quale miglior città? :)


Chiostro del Museo del '900 - fatto di specchi rotti - ganzissimo


Il Museo del '900 è aperto da poco a Firenze, si trova nel bellissimo chiostro delle Leopoldine di Piazza Santa Maria Novella, dove ci sono quelle belle arcate rinascimentali.
I ragazzi del Muse organizzano dei laboratori didattici in vari musei, principalmente a Palazzo Vecchio dove abbiamo partecipato a "Vita di Corte" e di cui parleremo, ma anche alla Fondazione Romano e appunto qui al '900. Proviamo!

venerdì 13 novembre 2015

Il Nuovo Museo dell'Opera del Duomo - una meraviglia

Era già un bellissimo museo, uno dei miei preferiti. Hanno chiuso per un ulteriore restauro, avendo acquisito gli spazi dell'attiguo Teatro degli Intrepidi, volevano sistemare meglio la situation.
E come lo hanno fatto!! Spettacolare. Semplicemente spettacolare, da brividi, anzi da piangere proprio....

Il Museo dell'Opera del Duomo nasce nel 1891 per accogliere soprattutto la Pietà di Michelangelo, rimasta senza una casa - diventa poi il fantastico ripostiglio delle tantissime opere d'arte che nei secoli sono state sostituite nel Duomo e nel Battistero con oggetti più trendy e rispondenti al gusto del momento. Si, perché se ora grideremmo allo scandalo se qualcuno togliesse per esempio il David in Piazza Signoria per far posto a un pezzo d'oro scintillante di Jeff Koons (....) ai tempi sostituire oggetti che iniziavano a deteriorarsi o semplicemente erano passati di moda con cose più ganze e moderne era assolutamente normale.

E quindi immaginatevi in 800 anni quanta roba è passata sotto ai ponti!!

La sala dell'Antica Facciata

Arnolfo di Cambio quando aveva cominciato la costruzione della Cattedrale di Santa Maria del Fiore l' 8 Settembre 1296 aveva già iniziato a imbastire una bellissima facciata, ma era morto prima della sua fine (poracci gli architetti medievali... non vedevamo mai la fine delle loro opere...) e questa era rimasta a metà - anzi a un terzo. E nel 1587 l'hanno buttata giù del tutto...
lo sapevate si, che la facciata attuale della nostra Cattedrale risale al 1881? e che prima un c'era proprio nulla? Pazzesco no?

Insomma, sono riusciti a ricostruirla, a grandezza quasi 1:1 , una stanza illuminata naturalmente dall'alto che riproduce lo spazio tra il Battistero e il Duomo come era in antichità. Da cadere in terra secchi stecchiti. Pelle d'oca.

Con due delle tre porte del Battistero restaurate, Porta del Paradiso compresa, scintillante e meravigliosa. In attesa della terza, in restauro per altri 2 anni.


Sala dell'Antica Facciata

Madonna dagli Occhi di Vetro - Arnolfo di Cambio

martedì 10 novembre 2015

Parigi e Disneyland con i bambini - si può! e si deve! Anche d'inverno!

Prima dei bambini, ho sempre viaggiato... complice un lavoro nel settore turistico, mi ritrovavo nei mesi invernali ad avere molti giorni di ferie, e per nulla spaventata dall'essere di solito sola (non tanti hanno ferie in inverno!) mi sono girata con calma bellissimi Paesi, preferibilmente caldi visto che qui d'inverno si bubbola di freddo - Argentina, Australia e California.... . E il bellissimo Montana con il mio marito, allora solo fidanzato...questi i miei viaggi più importanti.

Poi sono nati i bambini, ed è come se il mio "io" viaggiante si fosse ibernato, fosse andato a rintanarsi, dalla paura di non saper gestire due piccini a giro, o anche solo il pensiero che alla fine non te la godi davvero una vacanza. Ma i bambini crescono, e la voglia di viaggiare aumenta, e piano piano, prima con week end in città italiane per fare le prove tecniche, finalmente decidiamo : si va a Parigi e a Disneyland Paris!


Con tutti i blog di viaggi che esistono e che io leggo avidamente, con le tante mamme blogger che mi fanno sognare, come The Family Company, Bambini con la Valigia, I Viaggi dei Rospi e tante altre, i miei viaggi risulteranno molto semplici, ma non mi importa: per me, per la mia famiglia sono stati dei piccoli grandi traguardi!!


Ci prepariamo al Viaggio


Le nostre vacanze sono state a Marzo 2015 - una settimana.

Complice un'offerta di Disneyland Paris, decidiamo di fare 3 giorni a Parigi città e il gran finale altri 3 giorni a Disneyland Paris!

Se avete in mente un viaggetto a Disneyland Paris controllate spesso il sito:  a fasi alterne offrono un sacco di cose, pacchetti con volo incluso, notti gratis, mezza pensione gratuita...se ci fosse la possibilità di risparmiare qualcosina, perché no? Anche perché non è che te lo regalano!

Prendiamo un'offerta che pagando 2 notti potevi stare gratuitamente una 3 notte - in mezza pensione. Ok! E poi che fai, vai a due metri da Parigi e non vai a farti un giretto? E certo che vai! Anzi, si comincia con la gita "seria" e poi a sorpresa, glielo abbiamo detto un'ora prima del taxi per Disneyland, si va nel Paese dei Balocchi!

Da Firenze abbiamo preso la comodissima (ma non sempre affidabile....) Vueling volando Firenze e Paris Orly ad orari perfetti.
Paris Orly a mio avviso è il miglior aeroporto per raggiungere il centro di Parigi, veramente vicino. Puoi raggiungerlo con il trenino RER, oppure con il Bussino OrlyBus che ti porta a una fermata ottima della Metro (Denfert Rochereau).
O come abbiamo fatto noi in questo caso con diverse valigie e il passeggino, e i figlioli, e l'ora di punta, e l'ansia - un semplice taxi appena fuori dall'aeroporto, cifra sui 40/50 Euro dipenderà da che zona alloggiate.

Alloggio: abbiamo scelto un appartamento - tramite Air Bnb, conoscevo già questo appartamento nel 12 arrondissement, in Avenue Dausmenil, ottimamente servito da due linee top della Metro: la 6 e la 8.

Scegliere un appartamento a Parigi ti permette 3 cose fondamentali:

- risparmiare - con 100 Euro a notte abbiamo dormito tutti e 4 - difficilissimo trovare un Hotel decente, pulito, non una bettola, che abbia una quadrupla o due doppie a questa cifra

- sentirsi davvero a Parigi - un quartiere residenziale "vero", fuori dalle folle turistiche, con la boulangerie, il mercatino rionale, e questi palazzi Haussmanniani tipici, con le mansarde sui tetti, i parquet che scricchiolano, incontrare Parigini che ti salutano per le scale, capire come cavolo fare a aprire il primo portone con il codice magico, imbegarsi su scale minuscole e ascensori lillipuziani - adoro.... tutto concorre a fare "il viaggio" e l'esperienza di vita

- mangiare almeno un pasto in casa - con due piattole, soprattutto il grande, che mangia poco e solo se conosciuto e approvato, il cibo va valutato davvero - almeno un pasto al giorno così lo fanno. Pasta, pollo, formaggi, e soprattutto baguette ,marmellata, cioccolata, latte, cereali, pan au chocolat, acquistati al supermercato davanti casa. Senza stare a questionare "questo icche l'è? questo un mi garba" etc etc

La nostra casina Parigina

Primo giorno a Parigi coi bambini

Che cosa abbiamo visitato coi bambini a Parigi, in inverno?

Primo giorno

mercoledì 28 ottobre 2015

Osteria di Poneta, Novoli - Firenze

E' il mio quartiere Novoli, dove abito da 10 anni - è un quartiere difficile, "brutto" esteticamente, ma pieno di giardini tra questi palazzoni anni '60, scuole, asili, supermercati, e anche orgoglioso e pieno di gente che vorrebbe valorizzarlo.
Ora stringiamo i denti con i lavori della Tramvia, poi ci sarà una rinascita, me lo sento.

E questo gioiellino di Osteria che ha deciso di nascere proprio qui, tra il cemento e i cantieri della Tramvia, è un simbolo già di rinascita e ricercatezza, aria fresca per Novoli.




Osteria di Poneta lo noti subito, è discreto, ma l'accuratezza della sua insegna già ti attira - si nota, tra le cose fatte di corsa, una cosa che invece è fatta con amore e dedizione.
Quindi entrate, dopo aver prenotato perché è piccino picciò, e lasciatevi abbracciare da questa atmosfera di casa, accogliente, calda, bella, con i libri, i quadri, le sedie bellissime e i vari oggetti.

lunedì 26 ottobre 2015

It was just a Goodbye!

No, non era The End. Era un Goodbye, e ora dopo due anni il computer mi attira a sè e mi obbliga a rimeditare su questo blog, che tanto mi ha dato e tanto mi ha rappresentato. Poi si era un po' perso, proprio come me, e mi piace pensare che entrambi ci stiamo ritrovando, che vediamo la luce in fondo al tunnel del Big Change provocato dall'arrivo dei bambini, e una delle chiavi di lettura della Elisa Ritrovata potrebbe essere il viaggiare, vorrei almeno che fosse questo, che era la mia passione principale quando ero single e bella.

Parleremo di viaggi, di cibo, di ristoranti con un occhio più attento ai posti e ai luoghi kid-friendly, ma anche arte, eventi e magari un po' di sano e onesto cazzeggio.

Buone letture :)

lunedì 8 aprile 2013

This is the end

Come la canzone dei Doors, canto la fine di questo blog....
Non voglio che sia un post triste, mi sono divertita un sacco a scrivere questi miliardi di parole, semplicemente è giunta l'ora.
La vita è cambiata, siamo cresciuti, gli impegni sono aumentati a dismisura, ma poco di cui abbia voglia di parlare - da blog di cene, aperitivi, vita vissuta non volevo si trasformasse totalmente in un blog mammesco, niente contro questi blog eh, solo che Elaiza si Racconta era un'altra cosa.
E prima di scadere nel patetico mi fermo qua.

Tutto cominciò il 22 ottobre 2007, quando con questo emozionato alto pezzo di giornalismo nacque questo diario on line. 5 anni e mezzo son trascorsi, 363 post scritti, tanti tanti amici trovati, alcuni persi per strada altri saldamente con me, quest'esperienza tecnologica mi ha portato un gran bene, anche del lavoro con la pubblicazione degli Elaiza tours.
Momenti di sfogo, cazzeggio spudorato, riflessioni, confronti con voi, la Fiorentina e i ristoranti.... tutto mi ha aiutato a far crescere, e rileggere ciò che avevo scritto a distanza di tempo è stato anche molto terapeutico.

Grazie per avermi seguito e che vi dico.... a presto!



venerdì 15 febbraio 2013

Elaiza Tours - Galleria Palatina

Non sono sparita dal mondo turistico, sono semplicemente diventata il capo reparto del lazzeretto che campeggia a casa mia. Ma questo inverno finirà??

Per farmi perdonare vi propongo un tour speciale, tosto eh vi avviso, ma bellissimo e proverò a farvelo il più digeribile possibile.

La Galleria Palatina

Il bellissimo Palazzo Pitti, con una storia piena di intrighi, ha visto molti inquilini illustri, tra cui la Famiglia Medici che ha lasciato molti dei quadri che sono presenti in "Quadreria" disposti secondo il gusto dell'epoca e non seguendo un filo cronologico o stilistico...
Visiteremo la Galleria Palatina, la continuazione naturale degli Uffizi, con Raffaello, Tiziano, Andrea del Sarto, Rubens.....Vedrete che numero impressionante di quadri che ci sono, anche se faremo una necessaria cernita le pareti piene di bellissimi dipinti vi riempiranno gli occhi e il cuore.
Non mi chiedete quanto durerà.... 2/3 ore, poi vediamo se mi svenite o tenete botta... finito con me sarete liberi di continuare a girellare negli Appartamenti Reali o di salire alla Galleria di Arte Moderna.

Le date sono due:
Mercoledì 20 Febbraio e Domenica 24 Febbraio (si quella delle elezioni!)  - annullata la data del 20 dicembre causa sciopero personale museale di Pitti

Ritrovo ore 10,00 am al portone centrale di Palazzo Pitti - termine approssimativo del tour con me: 12.30/13.00 - se volete potete stare quanto volete all'interno

Per info, costi e prenotazioni scrivetemi pure a elisacuoreviola@hotmail.com

immagine presa dal sito Firenze Musei

lunedì 11 febbraio 2013

Due belle serate al Touch

Ricordate il Touch, il ristorante di mio fratello? Ecco, organizzano due serate carine, una stasera Lunedì 11 Febbraio che fanno la serata Bollito e affini, per gli amanti di questo piatto tipicamente toscano, servito con tutte le salsine che la tradizione comanda.
Ecco il Menu e la locandina:

Il consommè nel bicchierino e la mini rosetta con trippa al rosso pomodoro
il cappellacio di pasta fresca ripieno di lampredotto in salsa verde al ginger e pesto alle olive nere
selezione di carni bollite con le loro salse di accompagnamento
sorbetto alla crema di limoncello

25 euro coperto e pane inclusi - bevande escluse



E per San Valentino per chi è in vena e ha voglia di pesce hanno un menù dedicato, eccolo qua
Tortino di Ricotta con Gambero Rosso Croccante su Riduzione al Peperoncino Dolce
Raviolo della Passione in Farcia di Carni Bianche con Ragout di Cicale di Mare
Calamaretto alla Griglia su Letto di Puré Aromatizzato al Curry e Broccoletti di Bruxelles
Mousse di Yogurt con Frutto della Passione e Scaglie di Cioccolato

€ 35 a persona pane e coperto inclusi - bevande escluse



mercoledì 6 febbraio 2013

Me sto a ripijà

Rubo questa frase al romanaccio, ma dopo l'ultimo post, che ha scatenato molti commenti come da tanto non succedeva, anche su fb e via sms, e pure telefonate, in tante mi avete confortato o mi avete dato il vostro punto di vista, e vi ringrazio!! è proprio vero che mal comune mezzo gaudio, e sentire le vostre storie mi ha confortato. GRAZIE mamme e non, ognuna di voi ha cercato di darmi conforto.
Sicchè mi senbra doveroso ora aggiornarvi e dirvi appunto che... ME STO A RIPIJA'!

Si, la lista "propositi 2013" campeggia sul mio comodino, anzi dentro sennò la Mia se la mangia, quella mangia tutto, e ho già potuto mettere vari flag di "fatto" e sono molto contenta.

Nell'ordine:

ho fatto gli esami medici di routine su un paio di cosine che dovevo fare, e che da prima della nascita di Seba non facevo più - fatti e fatti, andati bene insomma ma niente di grave;

sono andata dal dietologo e ho già cominciato la dieta, e il rigore e la fame mi fanno bene in questo momento

mi sono iscritta a yogaaaaaa!! yes, finalmente. per ora una sola volta alla settimana, ma per me è già mega traguardone

abbiamo fissato un weekend lungo tutta la family a marzo per andare in Germania dalla mia amica/testimone e non vediamo l'ora, abbiamo fatto le carte d'identità ai nani, bellini da morire e non vediamo l'ora. Ora speriamo di non essersela gufata, perchè qui... e ora passo alla parte ancora negativa della storia:

e sono ancora a casa malatiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii  martedì 29 ho fatto il vaccino a lei, tutto ok, stavo già programmando con Leo chi porta chi l'indomani e mi pregustavo il mio PRIMO giorno libero da due mesi. Pomeriggio Seba febbre a 38.5 TOP
Ma non è finita qui, dopo 2 gg viene fuori che era scarlattina!!

Lì ho vacillato eh, quando ho immaginato che anche lei o noi si potesse essere contagiati, e cominciare così l'ennesima partita di pingpong, lì mi è presa veramente male.

Poi piano piano meglio, e domattina ci riproviamo a mandarli entrambi a scuola. Vediamo. Wish me luck!

lunedì 14 gennaio 2013

....Elisa chi?...

L'unica che mi consola è la mia omonima mugellana del blog Mammoline.... Ho letto ora i suoi ultimi post e mi ci sono ritrovata a duemila.
Volevo scrivere qualcosa, sento di dovermi sfogare, ma in realtà non so di cosa parlare.
Spesso vado anche in crisi pesa per questo, mi rendo conto che sono giù, che c'è qualcosa che non va, potrei anche sapere cosa c'è che non va, e questo è un buon primo passo no, così si dice dei pazzi quando si rendono conto di esserlo - ma non so come uscirne, assolutamente. Anzi, probabilmente lo so come, ma è irrealizzabile.
Maremma quanti misteri, non vi immaginate nulla di esotico e fantasioso, sono semplicemente una bi-mamma. E da qui tutto ciò che ne deriva.
Bello, fantastico, per l'amor di Dio, fortunata di avere due bambini sani belli e intelligenti, si si si ma concedetemi un piccolo sfogo. Io non esisto più. Io, Elisa, non esisto più. Esiste mamma Elisa, casalinga Elisa, receptionist Elisa, guida Elisa, moglie Elisa, ma non esiste più solo Elisa. "Che bello hai una vita piena" e sti c...., non mi fate dir parolacce, non è piena di nulla di ciò che vorrei fare solo io per me, i miei bisogni anche minimi tipo scaciollarmi i piedi senza fare nulla sul divano non ci sono, azzerati, annullati, e peggio ancora dopo 4 anni mi rendo conto che NON SO NEANCHE PIU' COSA MI FAREBBE STARE BENE.... e questo è grave.
Come proposito del 2013 nella top 5 c'è proprio questo, riappropriarmi della mia emotività, del mio cuore, ascoltarlo e cercare di capire cosa potrei fare per stare meglio, compatibilmente con la mia famiglia, perchè l'opzione "piglio e mi levo di hulo" e la un c'è. O se anche la ci fosse mi sentirei troppo una merda, e quindi non è la soluzione giusta.

Ma anche le altre mamme ogni tanto si sentono così? anche le altre mamme il lunedì mattina si svegliano, sentono che c'è la fronte calda, e gli piglia gli strizzoni di pancia perchè "o cazzo mi tocca tenerlo a casa!". ecco io da oggi ce l'ho tutti e due a casa, e dopo le vacanze di natale oggi e domani erano i miei unici giorni DAVVERO liberi, in cui non avevo da pulire casa, da finire di sistemare gli scatoloni del cambio armadio, impacchettare i regali, fare la spesa, mi ero anche stampata gli orari di un centro yoga, per provare a fare una lezione conoscitiva, e loro che fanno? si ammalano ovviamente. Non è contro di me, poracci, son malati e mi dispiace, ma io???? "chiama qualcuno, i nonni, te li guardano". Io un ce la fo a dare il mio "lavoro" ad altri e godermi spensieratamente il tempo. Un ce la fo.

Nano A l'ho venduto ai nonni, perchè Nana B deve riposare, e quindi ora ho 10 minuti per scrivere. E la spreco per angosciarvi, ma un pochino meglio mi sento.

Ps. a volte mi chiedo se la mia vita di prima, piena di esperienze, viaggi, conoscenze, beghe, risate, pianti, è un bene o no... è meglio aver vissuto, ma ora sentirne la mancanza, o sarebbe stato meglio non aver sperimentato nulla così ora non ne sentirei nostalgia?....

Crisi di mezz'età.
Bonaaaaa






mercoledì 19 dicembre 2012

Natale 2012 e Capodanno 2013

Questo post sarà più utile magari a chi vien da fuori, e ha deciso di passare le Festività nella più bella e meravigliosa e romantica e mitica città al mondo, ovvero Firenze (che sei autoctona te? noooo)
Ci sarà un botto di gente, italiani e stranieri, che come sempre arriveranno per le feste, sbriluccichii, canzoncine, zampognari, e ci saranno sempre le solite polemiche del   "ma come??? c'è la crisi e si tiene chiuso i negozi e i musei a Natale o a capodanno???" 
Beh io personalmente credo che dopo tutte le espropriazioni subite ultimamente, almeno Natale è una festa dai veri valori e come tale va consacrata, ma senza voler entrar troppo nella polemica, mi limito a indicarvi le poche cose che ho trovato, ma intanto qualcosa è, per queste due date:

*** Musei e Mostre***

- Museo Archeologico - aperto a Natale dalle 08,30 am alle 02,00 pm e il 1 Gennaio dalle 13,30 alle 19,00
- Ville Medicee di Poggio a Caiano e La Pietraia - aperte il 1 Gennaio dalle 09,30 alle 15,30
- Mostra di Palazzo Strozzi "Anni 30 - l'Arte durante il Fascismo" - aperta sia per Natale che Capodanno
- Mostra "I Mai Visti" nelle Reali Poste, le sale al pianterreno degli Uffizi, aperta il 1 Gennaio dalle 13,30 alle 19,30
- Museo di Palazzo Vecchio - aperto il 1 Gennaio dalle 14,00 alle 19,00

*** Ristoranti aperti per il Pranzo di Natale***

Pochi nomi ma eccellenti:

- Touch Florence- Via Fiesolana 18/r - 055 2466150 - un menu semplice e tradizionale in un ambiente moderno e giovanile
- Paoli - via dei Tavolini 12/r - 055 216215 - un must della tipica cucina toscana
- Caffè Pitti - Piazza Pitti 9 - 055 2399863 - un localino carino e buono in una piazza meravigliosa

*** Ristoranti aperti per il Veglione di Capodanno***

Qui la faccenda si fa complicata - a grandi linee i ristoranti fiorentini si dividono in 3 grandi categorie: quelli che fanno come le scuole e chiudono dal 21 dicembre al 7 gennaio, tipo Sostanza, Cammillo e tanti altri big; quelli che aprono e fanno il Cenone, cioè un mega menu, che costa di solito abbastanzina, e dove spesso occhio perchè le bevande non sono incluse; quelli che negli ultimi anni si sono un pò adeguati alle varie crisi e hanno deciso molto democraticamente di lasciare il menu à la carte, magari una carte ristretta e celebrativa, ma insomma dove non ti escono 100 euri minimo dalle tasche.
Io vi indicherò i miei preferiti con il tipo di cena:

Menu à  la carte: Touch Florence, Buca Lapi, Cinghiale Bianco
Gran Cenone: BSJ, Alle Murate, Enoteca Pinchiorri, Buca Mario, Caffè Pitti

Ai posteri l'ardua sentenza.

E poi icchè si fa a Firenze? mah, di solito c'è 3-4 concertoni gratuiti, tipo l'evergreen di musica classica onnipresente in Piazza Signoria e onni-sovrastato-dai-botti; alla stazioni dice quest'anno ci siano i Subsonica; in zona di Piazza Santo Spirito e Piazza Annigoni, ma ancora non so che fanno.

Pronti con le bocce di spumante??? Dai che finisce questo anni bisesto anno funesto, sempre che ci siamo tutti entro domani l'altro. AUGURIIIII!


Cappellacci ripieni di bollito su salsa verde @ Touch

Affettati misti e formaggi @ Cinghiale Bianco

Tortino celebrativo @ BSJ

Bistecca che "parla" @ Buca Lapi



mercoledì 21 novembre 2012

Elaiza Tour a Santa Maria Novella

Sono molto contenta di approfittare di un bell'accordo fresco di pochi giorni fa raggiunto tra i Sindaho e la Chiesa di Santa Maria Novella che hanno finalmente messo da parte la burocrazia e accorpato i due poli museali del complesso domenicano, ed io TAC via con l'Elaiza tour!

Ecco la presentazione del tour:

Giovedì 29 Novembre 2012
 Il bellissimo complesso di Santa Maria Novella, la sua piazza, la chiesa, i chiostri.....

Piazza cara ai fiorentini da secoli, quartier generale del più rigido degli ordini mendicanti, i frati domenicani, da sempre in "sfida" contro i francescani di Santa Croce, una guerra artistica che ci ha regalato due chiese monumentali stupende

Visiteremo l'interno solenne della Chiesa, con le sue cappelle gentilizie affrescate da famosi artisti, e scopriremo il Chiostro, avvolto dalla calma più assoluta e ricco di decorazioni ignorate ai più.

E per chi vuole ci prenderemo anche un caffeino dopo il tour!


Ritrovo ore 10,00 am - via degli Avelli angolo Piazza dell'Unità, cioè quella viuzza ora pedonale non proprio davanti alla facciata della chiesa ma lungo il fianco destro, dove si esce dal sottopassaggio della stazione e c'è quel negozio all'angolo che si chiama Yamamay

Perchè ci ritroviamo lì? poi vi spiego :)

Durata del tour: 2 orette e mezzo circa

per info e preno please scrivetemi a elisacuoreviola@hotmail.com

domenica 11 novembre 2012

Milan - Fiorentina 1-3 - tornano le pagelle dell'Elaiza??


Icchè tornano le mitiche pagelle dell'Elaiza??? no, non lo so, intanto questa, poi si vedrà se riuscirò A a guardar le partite B a capirci qualcosa C a fare le pagelle appunto.
Sapete che mi è sempre piaciuto parlare di calcio e della Fiorentina ma ultimamente non ne avevo avuto davvero modo, e anche la Viola mi aveva sdegnato proprio. Abbiamo passato un paio di anni anche 3 d'inferno, in cui alla gente era passata la voglia di andare allo stadio e seguire l'adorata squadra.
Ma ora sembra passato anni luce ed è veramente uno spettacolo guardare le partite, purtroppo solo alla Tv, ma intanto è già qualcosa. Belli Dio bono, vu fate godere per davvero.

Orsù dunque parliamo di questo match a San Siro - siamo partiti come le bombe, ignorantissimi già dai primi minuti, non se l'aspettava nessuno e infatti dopo 10' TAC finalmente anche noi si fa il gol dell'ex!!! Aquilani, che non esulta, ma faicchetipare basta che siamo 0-1!!
Dopo poco partono i fischi a Montolivo, non so bene da parte di chi, se nostra o loro, oh dei nostri ce n'era dice 4,000 quindi alla grande si sentiva tante volte i cori viola!

Rigore per il Milan - probabilmente giusto perchè Roncaglia gni ha ammollato una randellata ma Pato che mi fa?? me lo sbaglia, vieeeeeeeeeeeeeeeeeeennnnniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
E al 38' mi insacca anche Borja Valero, la gioia dei cronisti con questo nome bello pieno li senti ci godono a bestia quando prende la palla lui "Borrrchja Valero Borrrrchja Valero"

Poi vabbè, il secondo tempo s'è patito, ovviamente erano incavolatissimi e col gol del nostro ex, Pazzini, ce la siamo vista bruttina - ma abbiamo tenuto botta alla grande, abbiamo sfiorato prima un palo e poi TAC gol meraviglioso di El Hamadui (si scriverà così??)  Goduriaaaaaaaaaaaa! E a casa sai, vieni! Belle parole.

Vogliamo parlare della sciarpina di Tiziano Ferro....ehm Vincenzo Montella? no parliamone. Vedi è super impegnato, ieri sera dalla De Filippi e oggi al Meazza, mitico Vincenzo Tiziano Ferro Montella.
Mexes invece sempre più tamarro - se già alla Roma era pesante ora proprio con la cresta all'urtimo dei Mohicani bionda... vaiavaia vaia.

Ed ecco le pagelle:


Viviano: 6 1/2 poco impegnato, hanno tirato di molto fori, ma l'ho visto volare tipo SuperMan m'ha fatto morire - EROE (super non direi ma ci possiamo lavorare)
Gonzalo:  7 una diga (citazione di Illeo) DIGA
Roncaglia: 6 1/2 mi provoca il rigore ma è veramente un incredibile Hulk MASSICCIO
Savic: 6 1/2 io non l'ho mai visto quindi ha giocato bene, no?
Aquilani: 7- -  unn'ha esultato quindi meno meno ma ha giocato bene e ha fatto gol EX- sostituito da Mati FerNandez SV
Pizarro: 7 1/2 l'ho visto incavolato, ha preso anche un'ammonizione, ma s'è comportato troppo bene, dettando i tempi a tutta la squadra  TOP
Borja Valero: 7+ bello sai, crapa pelata, forte e massiccio in più mi fa gol anche perfetto! BORRRRCHHJA VALERO
Cuadrado: 7 1/2 per simpatia lui ha sempre mezzo punto in più, o come l'è?? con quei capelli, mi fa morire BRIOSO
Toni: 7 ma quanto movimento ha fatto?? io per prima non ci avrei scommesso mille lire invece maremma Toni e Furmini c'è, eccome se c'è - HIGHLANDER sostituito da Cassani Sv
Pasqual: 7 è ringiovanito Pasqual, da quando c'è stato questo cambio di testa e giocatori nella squadra lui è decisamente rifiorato, grande capitano e grande carattere - O MIO CAPITANO
Liajic: 6-- mi sta antipatico e oggi l'ho visto un pò poco - dalla storia di Delio Rossi su lui ho messo un crocione. TIRATELA MENO - sostituito da El Hamadui che piglia... 7!

Montella: 8 ci fa divertire da morire, e mantiene un aplomb incredibile, sorride solo ai giocatori, poi fa come se niente fosse, miticooooooooo TIZIANO!

Ps: sto sentendo quel Liornese di Allegri intervistato... ma che partita ha visto??? "partita equilibrata, segnata da episodi" ma vaia cambia spaccino!

mercoledì 7 novembre 2012

Il fischietto di Flo Rida

Menomale in Italia un si capisce un cavolo d'inglese... menomale che ci si scarica le sonerie (si, senza la U, alla toscana) delle canzoni hit del momento ma un ci si interessa del significato.... menomale che c'hanno un ritmino niente male che si ballettano e fischiettano e mugugnano senza cognizione di causa....
Menomale, perchè sennò questa canzone probabilmente e la unn'avrebbe fatto tutto questo successo!!!
Quale? "Whistle", del rapper Flo Rida, questo coso piccino della foto che segue, elegante e sobrio come un gentleman inglese, oh attenzione non rinnego il mio passato da rapper girl che andava allo Smoove allo Yab il lunedi sera, ma qui non c'è più ritegno, cioè ma gli americani, inglesi, o chiunque capisca bene l'inglese, ma come si fa a cantarla con nonchalance??

Ho cercato anche un pò a giro, per vedere se ero io in malafede, ma no no, parla di quello.
O di che altro, quando uno dice " puoi soffiare nel mio fischietto, ti faccio vedere come si fa, si fa piano piano, metti le tue labbra unite e vieni vicino a me
ed ancora "You got it my banjo talented with your lips, like you blew out candles"

Insomma capito? Seba la canticchia, e io che devo fare?....

Figurati, avevo parlato di una cosa simile su Rihanna, ora la mi pare una verginella a confronto.

lunedì 5 novembre 2012

Last 2 weeks

Last 2 weeks di che? di libertà. Torno a lavoro. Scatta il coro "e l'era l'oraaaaaaa!" e avete anche ragione, ma A) non si sta così male a casa B) c'era du nani a cui badare C) lavoravo lavoravo, come guida qualcosina ho fatto, ma sopratutto come desperate housewive, e vi dirò: no no no un fa per me.

Ho incontrato una mamma ai giardini che mi fa "sai ho lasciato il lavoro, faccio la mamma e basta, d'altronde i bambini che stanno a casa e vengono seguiti si riconoscono!!" io ovviamente col sottotitolo sulla fronte non ho potuto darle retta, ma anzi molto onestamente le ho detto "io anche NO, ogni mamma e ogni famiglia deve fare le proprie scelte senza sensi di colpa, e dammi retta, i mi figlioli se io sono a casa a stare SOLO dietro a loro e prenderebbero solo il peggio, cioè una mamma schizzata, esaurita e infelice"

Massimo rispetto per ogni scelta, ma questa è la mia - mi hano accettato il part time verticale, quindi top. Questa è la nostra famiglia e il nostro equilibrio. Per ora. Poi si staròà a vedere! Viva i nidi e viva i nonni!!!

Update sui nani

Che combinano ora i nani?

Sebastian è un omino praticamente, parla come un avvocato, mi coniuga i congiuntivi in scioltezza, e ci riprende se si parla con la bocca piena. In compenso decide lui che umore avere, e se è in bona tutto perfetto, ma se gli girano o poeri noi, testardo permaloso lunatico antipatico prezioso, che poi gni scappa da ridere sotto i baffi ma deve tenere duro, per quale motivo non lo so, forse ha intrapreso un segreto accordo con il Guinness World Record per farci sclerare tempo due.
Fa il lego con una tecnica architettonica ardita che sfida le leggi della fisica, e poi distrugge tutto con ancor più foga.

Mia è uno spettacolo: ora cammina, mangia come un trogolo, meglio farle un cappottino, è simpatica, batte delle capate ma non batte ciglio, non ride ma arriccia il naso, non ha praticamente denti ne capelli ancora, ed ha quasi un anno, non parla ma si fa capire. Mitica la mia cacona amorosa da morsi.






LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...