domenica 19 ottobre 2008

Trattoria Dì Sordo

Senza foto purtroppo, mannaggia mi son magnata le mani ieri sera per non averla portata, ma è stata un'uscita estemporanea, non programmata, una rarità ultimamente, e quindi ve beccate la recensione senza foto. Anzi una la metto, dell'interno, ma non è mia l'ho presa in prestito dal sito http://www.firendedinotte.it/
Torniamo a noi baldi giovini e giovincelle, dopo una serie di post stupidi/semi-seri/seri torno alla mia attività amanuense preferita, ovvero parlar di cibo. O come mi garberà sgrifare?? Troppo. E' una delle cose belle della vita. Insieme naturalmente a un'altra attività più bella della vita che abbiamo fatto ieri, insieme a tanta gente, stretti stretti nella bora che tirava dalla collina di Fiesole, a bociare e a cantare.... lo stadio obviously, e non c'è gioia più divina che vedere la Fiorentina dargni 3 pappine alla Reggina, ho fatto anche ben 3 rime.

E proprio perchè c'era l'anticipo alle 18,00 e che di solito bisogna parcheggiare a Monculi sopra Empoli, di norma passata la stazione Campo di Marte verso il viale, s'era pensato dopo di andare a farsi un aperitivo al Kitsch. Questa idea l'hanno avuta mooooolte altre persone, e quando siamo ivi giunti non solo non c'era l'ombra di un tavolino, ma non riuscivamo neanche a scorgere il buffet dalla masnara di gente che era lì in coda per rifocillarsi. Ma di cheee!! Vieni, dopo la doppietta dì Gila figurati se posso incazzarmi.

Però eravamo in preda ai morsi della fame nera, e infilare dentro Sant'Ambrogio significava un possibile mio morso a un braccio di ignaro passante, e siamo andati verso Via Gioberti, quando folgorazione mi ricordo della Trattoria dì Sordo, ma no Sordo come soldi, sordo come sordo proprio, duro d'orecchi. C'ero già stata un paio di volte tempo fa, ma mi ricordavo un gran bene. Vieni, a due mani.
Si entra, atmosfera molto informale, arredo rustico tipico toscano, clientela tipica toscana, i vecchino che abita lì sopra che gni sta fatica cucinarsi la minestrina e se la va a far fare lì, così intanto legge La Nazione a ufo, ci fanno subito accomodare. Hanno due salette, quella d'entrata e una laterale, ma non c'è tanti coperti, infatti subito dopo s'è riempito e quando siamo usciti c'era gente ad aspettare.
Per evitare di mangiare anche il cestino di pane in ferro battuto, s'è ordinato due crostini toscani a testa, visto il costo (3,10 Euro) si pensava n'arrivasse 2 a testa, max 3, ma per la gioia delle nostre papille gustative n'è arrivati 5, su pane abbrustolito a modino, salsa ai fegatini da dieci, lo stomaco s'è placato. Dal menu del giorno eravamo alluzzatti da varie scelte: primi, tagliolini freschi con zucchine e pecorino,ribollita, rigatoni al ragù, di secondi, pollo e coniglio fritto con patate, roastbeef con patate, bistecca, tagliata, filetto al pepe verde, insomma tutte le prelibatezze toscane.
Ci siamo fatti io l'arista ai funghi porcini freschi, deliziosa, morbida, saporita, mi risale l'acquolina a pensarci, il Leo lingua lessa con salsa verde e fagioli lessi buonissimi. Se l'è spolverata in un batter d'occhio. Vino, acqua, totale 31,00 Euro in due. I secondi con contorno erano dagli 8 ai 10 euro, i primi dai 5 ai 9 euro, prezzi onesti, servizio veloce, gentile e simpatico, davvero un ottimo posto, una perfetta via di mezzo tra posti magari troppo scarsi e gnudi tipo Sabatino o Mario, e trattorie che ti steccano come ristoranti tipo 4 Leoni,Osteria di Giovanni, il Cambi, Cammillo,Caffè Cibreo, etc etc etc la lista sarebbe infinita.

Ch'avete inteso?
Trattoria dì Sordo
Via Gioberti 170/172 r (quasi Piazza Beccaria)
055 245634
Aperto pranzo e cena
Chiuso la Domenica

E oggi mi aspetta una giornatina... tutta per me, sono the special Guest Star, ma non vi anticipo niente, pazientate cari miei, pazientate...

Glossario:
a ufo: eh, vuole dire gratis, questo lo sapete penso, ma ha tutto un significato derivante dal passato quando trasportavano i marmi a Firenze,me l'hanno detto più volte ma non mi ricordo bene, m'informo e vi aggiorno
scarsi e gnudi: terra terra, down to earth, semplice anche troppo (da scarso=scalzo e gnudo=nudo)

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Magari ti può essere utile questa curiosità...:
La fabbrica dell'"Opera del Duomo" prima del 1200, importava legname dal Casentino e dalla Foresta di Vallombrosa facendolo transitare lungo l'Arno. Sui tronchi destinati alle opere pubbliche venivano incise le lettere UFO che stavano a rappresentare Usum Fabricae Operis indicanti che il materiale era destinato ad opere pubbliche e quindi esente dal pagamento delle tasse doganali. Ecco perchè tutt'oggi l'espressione "A UFO" significa gratis.
..eh eh!quello fratello

illeo ha detto...

minchia cognato....
vedi che i cciovani possono insegnarci quarcosa...
grande bomberrr!!!!

Elisa ha detto...

Perfetto, proprio quello intendevo. Grande brother!!! Che famigghia!!

Aelys ha detto...

Ciao Elisa! Quando non passo di qui per un pò mi viene nostalgia dell'Italia, giuro! Ora che mi sono quasi completamente ripresa dal jet lag e non viaggerò per un pò mi sparo tutti i tuoi vecchi post che mi sono persa nel frattempo :)

Aelys ha detto...

Ciao Elisa! Quando non passo di qui per un pò mi viene nostalgia dell'Italia, giuro! Ora che mi sono quasi completamente ripresa dal jet lag e non viaggerò per un pò mi sparo tutti i tuoi vecchi post che mi sono persa nel frattempo :)

Leggi anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...